L’idea di realizzare in Valle di Blenio un coro polifonico risale al 1973 e si deve alla signora Raffaella Andreoli di Dongio. Fu proprio lei la fondatrice della Voce del Brenno e del Gruppo Costumi. Raffaella fu presidente del sodalizio fino al 1991 e appassionata sostenitrice fino alla sua dipartita nel 1996.
image-10060451-8DD721B4-A579-4399-AAC7-35C23E827EFF-6512b.w640.jpeg
image-10060451-8DD721B4-A579-4399-AAC7-35C23E827EFF-6512b.w640.jpeg
image-10060451-8DD721B4-A579-4399-AAC7-35C23E827EFF-6512b.w640.jpeg
image-10060391-Firenze-16790.png

Il coro fu diretto fino al 1978 dal maestro Fabio Delucchi. In questo periodo, sotto la sua direzione, portò il gruppo dal nulla a buoni livelli artistici.

A Fabio Delucchi seguì Livio Berti, che guidò la corale per oltre sette anni. Sotto la sua guida si sono svolti molti concerti, appuntamenti di rilievo sia a livello cantonale come pure oltre frontiera.

Nel 1986 il maestro Berti passò la direzione al giovane Claudio Sartore di Lodrino (allora 25enne ed ancora studente al conservatorio di Zurigo). Sartore dirige tuttora il Coro con esemplare competenza caratterizzata da grande sensibilità, da una illimitata pazienza e un’ammirevole dedizione nell’insegnamento.

Le principali attività ed i concerti della Voce del Brenno, che oggi conta 25 membri attivi provenienti dalla Valle di Blenio e da villaggi limitrofi, si svolgono non solo all’interno del Canton Ticino, ma anche aldilà delle Alpi confederate, nella Svizzera di lingua francese e tedesca, nonché oltre i confini nazionali.

La Voce del Brenno ha al suo attivo la registrazione di tre CD. Il primo “Canta con noi”registrato in occasione del 20° anno dalla fondazione, il secondo “30” nel 2002 in occasione del 30° compleanno della corale ed  il terzo “Sole e lacrime del mondo” nel 2012 per il 40°.